scuola

La scuola

Una stanza del negozio fungeva da mensa scolastica per i bambini che, fino alla metà degli Anni Sessanta del secolo scorso, hanno frequentato la scuola elementare sita nei locali attigui alla Chiesa e la signora Assunta era preposta alla cucina. Fino al 1966 hanno svolto le funzioni didattiche in loco diverse insegnanti, alquanto rappresentativi della figura dei maestri di montagna, la maggior parte dei quali era costituita da donne, che svolgevano il loro compito con dedizione, talvolta alla stregua di un’attività missionaria, anche di fronte a seri problemi che ancora negli Anni Cinquanta sussistevano nelle aree rurali, come l’inadeguatezza dei locali scolastici (nel caso di Cerendero privi di illuminazione elettrica e per lo più riscaldati mediante una stufa che gli alunni stessi provvedevano ad alimentare con la legna portata da casa) e la difficoltà di raggiungimento della scuola da parte di bimbi spesso divenuti precocemente adulti in un mondo in cui la miseria era sostanzialmente un modo di vivere, affrontato tuttavia con dignitosa tenacia.

Ogni anno gli allievi dell’unica pluriclasse erano accompagnati in “gita scolastica” sul Campanile, da dove era possibile ammirare le montagne e i pascoli della splendida vallata circostante.San Fermo neve

Così come la bottega di Assunta, all’oggi anche la vecchia aula della scuola si presenta in uno stato di fatiscenza, totalmente abbandonata in balia di rovi, intemperie e spregi di malintenzionati.

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: